#ese Instagram Photos & Videos

ese - 153.8k posts

Top Posts

Latest Instagram Posts

  • Loves reading this book! He loved it. Great chat “what is migration?” “Why would geese fly south for winter?”.
  • Loves reading this book! He loved it. Great chat “what is migration?” “Why would geese fly south for winter?”.
  • 8 1 4 hours ago
  • I found a fun and interactive way to practice letters for the little ones! You can use magnet letters or any other manipulative of letters to help students in Pre-K, Kindergarten, and even older students struggling with learning their letters! #ese #elementaryteacher #specialeducation #letters
  • I found a fun and interactive way to practice letters for the little ones! You can use magnet letters or any other manipulative of letters to help students in Pre-K, Kindergarten, and even older students struggling with learning their letters! #ese #elementaryteacher #specialeducation #letters
  • 9 0 5 hours ago
  • #Ese balu 💪🐴🐂
  • #Ese balu 💪🐴🐂
  • 5 0 17 hours ago
  • May the beautiful colors of Holi brighten your life with new energy and hope. May you have a bright future full of colorful opportunities. Wishing you a Happy Holi 2019.
#Holi #Colors #EngineersSuccess #GATE #ESE #PSU #JE
  • May the beautiful colors of Holi brighten your life with new energy and hope. May you have a bright future full of colorful opportunities. Wishing you a Happy Holi 2019.
    #Holi #Colors #EngineersSuccess #GATE #ESE #PSU #JE
  • 3 0 17 hours ago
  • And with grateful heart I say thanks to u God for keeping me ,not jt for that alone but for making me realize ur love all over my life. #ese happy birthday to me
  • And with grateful heart I say thanks to u God for keeping me ,not jt for that alone but for making me realize ur love all over my life. #ese happy birthday to me
  • 9 1 21 hours ago
  • بمناسبة الذكرى السابعة و الخمسون ليوم النصر الجزائري، يقول لكم النادي العلمي كل عام و أنتم تنتصرون للجزائر 💕

#OSE #ESE #WeDontTalkWeOse
  • بمناسبة الذكرى السابعة و الخمسون ليوم النصر الجزائري، يقول لكم النادي العلمي كل عام و أنتم تنتصرون للجزائر 💕

    #OSE #ESE #WeDontTalkWeOse
  • 46 0 22 hours ago
  • Dopo qualche notte a piangere, venne una sera, una delle tante, dove prese il pc e cominciò a scrivere. Non sapeva con chi parlare, non se la sentiva di sfogarsi con nessuno perché il dolore che provava e che non aveva il coraggio di raccontare, se l’era procurato lei stessa.
A spizzichi e bocconi, in una sorta di trance dove le parole parevano scorrere da sole sulla carta virtuale, scrisse la loro storia. La storia di questa ragazza che conosce per caso il suo idolo del momento, il quale si rivela poi essere l’uomo dei suoi sogni, lo conquista in qualche strano modo a lei sconosciuto e poi lo lascia andare via. Semplicemente perché non è il momento. Non è il momento per essere felici.
Scrisse della sua sofferenza attuale, perché ora stava male, di un male dove in certi attimi le mancava il respiro, ma prima stava ancora peggio temendo il giorno in cui si sarebbe sentita come si sentiva ora. Scrisse di quello che si dissero in quel primo, fortuito, fortunato incontro. E mentre rivisse quei momenti, si sentì ridicola per le cose che aveva detto a un emerito sconosciuto, che aveva occhi che già conosceva. E capì la magia di quell’attimo, come avesse cambiato tutto, la sua vita e lei stessa.
Scrisse del cimitero e della camelia, e pianse al ricordo della sua faccia allibita quando la vide con la pianta in mano, al ricordo della sua ultima volta a Firenze in quello stesso cimitero qualche tempo prima. Scrisse di questo ragazzo che, conoscendolo, si era rivelato più bello di come se lo era immaginato, dolce, con una sensibilità fuori dal comune, irriverente, sagace, ironico, bambino e saggio al tempo stesso, colto, appassionato del mondo e della vita.
Scrisse di come se n’era innamorata, perché semplicemente non poteva non amarlo, lui era tutto ciò che di un uomo aveva sempre desiderato. Mentre scriveva non poté che piangere e ridere, e piangere al ricordo di quello che erano stati.
Quando arrivò alla fine della storia, scrisse: “È adesso?”. Perché quello non era il giusto finale.

FINGIAMO CHE SIA PER SEMPRE - un romanzo
.

Disponibile in tutti gli store online
↪ https://www.amazon.it/dp/B07989YGQX

Ph dal web
  • Dopo qualche notte a piangere, venne una sera, una delle tante, dove prese il pc e cominciò a scrivere. Non sapeva con chi parlare, non se la sentiva di sfogarsi con nessuno perché il dolore che provava e che non aveva il coraggio di raccontare, se l’era procurato lei stessa.
    A spizzichi e bocconi, in una sorta di trance dove le parole parevano scorrere da sole sulla carta virtuale, scrisse la loro storia. La storia di questa ragazza che conosce per caso il suo idolo del momento, il quale si rivela poi essere l’uomo dei suoi sogni, lo conquista in qualche strano modo a lei sconosciuto e poi lo lascia andare via. Semplicemente perché non è il momento. Non è il momento per essere felici.
    Scrisse della sua sofferenza attuale, perché ora stava male, di un male dove in certi attimi le mancava il respiro, ma prima stava ancora peggio temendo il giorno in cui si sarebbe sentita come si sentiva ora. Scrisse di quello che si dissero in quel primo, fortuito, fortunato incontro. E mentre rivisse quei momenti, si sentì ridicola per le cose che aveva detto a un emerito sconosciuto, che aveva occhi che già conosceva. E capì la magia di quell’attimo, come avesse cambiato tutto, la sua vita e lei stessa.
    Scrisse del cimitero e della camelia, e pianse al ricordo della sua faccia allibita quando la vide con la pianta in mano, al ricordo della sua ultima volta a Firenze in quello stesso cimitero qualche tempo prima. Scrisse di questo ragazzo che, conoscendolo, si era rivelato più bello di come se lo era immaginato, dolce, con una sensibilità fuori dal comune, irriverente, sagace, ironico, bambino e saggio al tempo stesso, colto, appassionato del mondo e della vita.
    Scrisse di come se n’era innamorata, perché semplicemente non poteva non amarlo, lui era tutto ciò che di un uomo aveva sempre desiderato. Mentre scriveva non poté che piangere e ridere, e piangere al ricordo di quello che erano stati.
    Quando arrivò alla fine della storia, scrisse: “È adesso?”. Perché quello non era il giusto finale.

    FINGIAMO CHE SIA PER SEMPRE - un romanzo
    .

    Disponibile in tutti gli store online
    ↪ https://www.amazon.it/dp/B07989YGQX

    Ph dal web
  • 17 1 19 March, 2019